Pubblicato da: luigivassallo | 15 ottobre 2009

Mameli come poeta non vale niente

Quando cammino, a volte la mente va a ruota libera (‘a capa sbareia) e si mette a pensare … coi piedi

Goffredo Mameli come poeta non vale niente, ma poco più che ventenne andò da Genova a Roma a morire per la Repubblica Romana. L’inno d’Italia, che ha le brutte parole di Mameli e una discreta musica di Michele Novaro, mi piace perché mi ricorda che giovani come Mameli e tanti altri meno giovani hanno fatto l’Italia di ieri, stanno tenendo in piedi come possono l’Italia di oggi e – spero – ricostruiranno l’Italia di domani.

Vedi anche:   Vivere in pensioneQuali sono le nostre radici cristiane?Confessione di un farabutto;   Quelli che non vedono gli ostacoli e quelli che non li vogliono vedereCamminare a piedi o Camminare (con i piedi)?

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: